sabato , agosto 18 2018
Home / Community / CrossFit Open 18.3 i nostri consigli

CrossFit Open 18.3 i nostri consigli

Siamo al giro di boa, il 18.3 è stato svelato e sicuramente non sarà una passeggiata riuscire a completarlo.   

Annunciato, come sempre, con un live sui canali social, ieri Dave Castro ha chiesto l’aiuto di due superatleti master, Neal Maddox e Kyle Kasperbauer dallo Skyline Crossfit di Houston, in Texas.

Osservando il workout è chiaro che si sia voluta tracciare una riga tra chi potrà effettivamente competere per un posto ai Regionals e chi, invece, dovrà abbandonare le speranze nonostante gli open siano ancora lunghi.

Come vedrete sono molte le insidie: dai ring muscle-ups agli overhead squats con un peso non indifferente.

Di seguito riportiamo il wod da portare a termine entro il 13 Marzo 2018!

Attenzione ai movimenti corretti: il “NO-REP” è, purtroppo, dietro l’angolo. Quindi ecco a voi un breve video illustrativo di come svolgere correttamente tutti gli esercizi: prendetevi un minuto per guardarlo con calma.

 

 

E passiamo ora ai nostri settimanali consigli : questa settimana abbiamo sulle nostre pagine Alice Mastriani!

 


 

Ciao Alice, è un piacere averti qui, parlaci un po’ di te e della tua vita da atleta!
Ciao a tutti, sono Alice Mastriani e pratico CrossFit da poco meno di 4 anni.
È nato tutto come un semplice modo per fare movimento, ma è diventata immediatamente la mia più grande passione.
Nella vita sono una fisioterapista e una studentessa di Osteopatia. Non è molto facile conciliare il tutto, ma mi ostino a provarci continuamente! Per migliorare nel CrossFit, ho iniziato a prendere lezioni private di weightlifting con un tecnico federale FIPE e così da un anno ho intrapreso anche l’attività agonistica in questo campo (nella categoria -58kg).

Siamo giunti al 18.3 che potrebbe segnare lo spartiacque tra chi può farcela e chi, invece, inizia a mollare la presa. Come leggi questo workout?

Il 18.3…bello, mi piace, ma è workout davvero molto duro!
Lo leggi e dici.”Uhm si può fare”..ma è uno di quei workout che ti portano il respiro alto molto presto (per la quantità di Du’s) e che ti vanno ad affaticare principalmente lo stesso distretto muscolare (in questo caso le spalle).
Sicuramente dopo 4 score, la classifica inizia a definirsi, ma negli Open non è detta l’ultima fino alla fine!

Quale pensi sia la difficoltà più alta in questo wod?

Credo che la difficoltà maggiore di questo wod siano i movimenti di ginnastica avanzata (Ring Mu’s per primi e poi quelli alla barra).
Concentratevi soprattutto sull’esplosione del bacino: arrivate con questo molto vicini alla sbarra e cercate di risparmiare, per quanto sia possibile, le braccia perché vi serviranno per tutto il resto!

Come consigli di affrontare questo 18.3? Hai qualche consiglio particolare?
Ecco i miei consigli per questo workout:
– Sono due giri…ovviamente il pace deve essere sostenuto dall’inizio, ma deve essere un pace che ci permetta di essere costanti fino alla fine.
– Scegliere come dividere i vari esercizi da subito. Forse OHS e DB snatch possono essere fatti unbroken, ma dal secondo sets di Du’s e per gli esercizi di Gymnastic consiglio di dividere.
Non arrivate mai al punto di rottura, altrimenti i tempi di recupero si allungherebbero troppo!
– Consiglio che dò sopratutto a me stessa: perdere qualche secondo in più, ma fate rep valide! Attenzione nel lock out dell’anca negli Ohs!

In bocca al lupo e soprattutto buon divertimento a tutti!

Ringraziamo Alice che continueremo a seguire nelle sue prestazioni atletiche!
Se volete godervi il live della presentazione del workout, lo trovate qui :

 

e, come di consueto, vi lasciamo con i consigli di Nicole Carroll!

 

Fateci sapere cosa pensate di questo 18.3 e, soprattutto, postate nei commenti del post il vostro risultato!

About Gianni Forlastro

Nato nel secolo scorso, ufficialmente sono un informatico, docente, blogger e organizzatore d'eventi. Parallelamente a tecnologia, fumetti e fotografia, lo sport è sempre stato uno dei punti fermi delle mie giornate nonché una delle mie passioni. Ho praticato (e seguito) svariati sport, appassionandomi presto alle arti marziali: dopo aver conseguito la cintura nera di ju tai jutsu, sono passato alla boxe e alle Mixed Martial Arts approdando, recentemente, al CrossFit. Curioso, estroverso ed eclettico vi aspetto su queste pagine e soprattutto sui vari social: non abbiate timore, e "followatemi"...saprò stupirvi con effetti speciali!

Check Also

NUMBERS DON’T LIE: ANALISI DEGLI OPEN DI SAM BRIGGS, 18.1:

La costruzione di una solida base aerobica è imprescindibile per i crossfitters di alto livello, …

motivazione crossfit

Motivazione CrossFit – Conoscersi per diventare la miglior versione di sé

Conoscere se stessi è la chiave per diventare la miglior versione di sé Siate voi …

CrossFit Invictus sbarca in Italia. Intervista esclusiva a CJ Martin

Intervista esclusiva a CJ Martin, ci spiega la sua visione del CrossFit, svela come nasce …