Obesità vs Crossfit: È o non è un allenamento per dimagrire?

0
1946

Quando il Crossfit non funziona…

L’esercizio fa pompare il cuore, i polmoni lavorano e usano le calorie che teoricamente non sarebbero state utilizzate se rimanevamo seduti sul divano. CrossFit è un lavoro duro. Scalato o Rx’d, e’ tosto. Tutto questo sforzo creerà alcuni cambiamenti nel corpo – la massa muscolare e una maggiore capacità cardiovascolare – ma di per sé , non è sufficiente per recuperare gli effetti del peso in eccesso . Inoltre , la nostra percezione dello sforzo ha un profondo effetto su di noi , che mi porta verso l’altro aspetto del discorso: quando non funziona.

Il Crossfit non è il Santo Graal per le masse di obesi.

In quache modo, l’atteggiamento comune sullo sforzo estremo con lo scopo preciso di perdere peso può essere classificato come “obesogenico”, nel senso che in realtà favorisce l’aumento di peso. Il comportamento alimentare può essere considerato come una reazione a catena di eventi che comprendono valutazioni mentali interiori. Stati d’animo, sentimenti, decisioni, azioni. Per apprezzare pienamente questo processo, dovremmo prendere in considerazione il linguaggio comune e i miti che circondano l’esercizio fisico e farli diventare parte del processo di valutazione interiore.

L’idea di “Bruciare i grassi”, “farsi il culo”, e smaltire calorie che circola nella società e nella cultura popolare fornisce solo mezze verità sul modo in cui l’organismo gestisce cibo e fatica. Queste false verità portano alla trappola che conduce al grasso, perché implicano che possiamo in qualche modo aggirare il sistema. Ne può conseguire poi un comportamento che porta una persona a mangiare di più o in maniera sregolata con la convinzione che “tanto poi lo smaltisce” . Anche se fosse vero, la domanda dovrebbe essere: “Questo comportamento mi fa bene?”

Quando l’esercizio fisico è visto come uno strumento per “bruciare calorie”, il problema di peso è destinato a diventare una fissazione.

Smettetela di punirvi

Più semplicemente si tratta di una mancanza di apprezzamento per il corpo. I media, l’industria del fitness e persino i precedenti pareri medici sul ruolo dell’esercizio fisico per perdere peso, hanno diffuso l’idea che punire il corpo con allenamenti massacranti è la chiave del successo . Ma in realtà, l’allenamento è solo una delle due facce della stessa medaglia, e l’altra metà è costituita dalla cura dell’alimentazione.

I modi di pensare correlati all’obesità sono di solito pieni di convinzioni punitive. Esse ci portano a cadere troppo facilmente in questa trappola. Il corpo è visto come un nemico, una macchina in cui inserisci cibo per avere un risultato, piuttosto che come un essere vivente che ha bisogno di cure, alimentazione, idratazione e della gioia del movimento fisico.

La grande differenza tra le persone che fanno Crossfit e i cui corpi cambiano, e quelle a cui non succede, dipende dal loro atteggiamento e dalle convinzioni che hanno sul loro corpo.

Cercare di perdere peso non è il problema che la gente dovrebbe porsi appena varca la porta del box. Queste persone dovrebbero essere ispirate dagli altri e dai fisici che vedono, e non sentirsi a disagio nel proprio corpo perché è diverso dal loro. Quello che vorrei incoraggiarli a fare, e quello che vorrei facessero il coach e i compagni che vogliono aiutarli, è di buttarsi alle spalle il concetto di punizione e ricompensa.

La giusta mentalità

Parte dello sviluppare la mentalità vincente da atleta di cui ho parlato prima, è quello di godersi la sfida col fisico e di fornire sempre al corpo quello di cui ha bisogno. Non necessariamente quello che vuole o desidera ardentemente, ma neanche negarne i bisogni.

Lo scopo è di aumentare la consapevolezza che ispira il vostro allenamento e le pulsioni alimentari, e abbandonare l’idea che vede l’esercizio fisico come punizione e il cibo come ricompensa.

A dispetto di quello che la società potrebbe portarci a pensare  ogni corpo – a prescindere dalle dimensioni o dalla forma – merita di essere trattato con rispetto.

ecco la versione originale dell’articolo:

http://www.boxrox.com/crossfit-obesity/

Author: Jessica Johns-Green

1
2
Previous article11 luoghi comuni sul CrossFit (da sfatare!)
Next articleCrossFit Community – 10 consigli per essere un compagno migliore
Da sempre consulente informatico e appassionato praticante di sport. Nuoto a livello agonistico per tutta l'adolescenza, e mi dedico anche all'insegnamento, parallelamente mi dedico anche al Tennis al Calcio e al Body Building, Rugby e Arti Marziali. Incontro nel 2011 il CrossFit e ne sono subito rapito. Nel 2012 corono il sogno di diventare Co-Owner di una centro sportivo, la Golden Dragon Gym a Roma...da li il passo naturale ci porta ad aprire all'interno del nostro centro, CrossFit 753ac uno dei primi box ufficiali affiliati a Roma, Nasce insieme a Lacee Kovacs la programmazione KTS di cui ne seguo ogni aspetto commerciale. In quegli anni maturo l'idea di unire la mia conoscenza informatica alla passione per lo sport ed in particolare il CrossFit. Da questa unione dopo un anno di studio e lavoro nel Luglio 2015 nasce WodNews.it il primo magazine on line in lingua italiana interamente dedicato al CrossFit.