Allenamento CrossFit – La progressione per migliorare lo Squat

0
386
Progressione Squat CrossFit

lo squat, un esercizio fondamentale che spesso viene dato per scontato dal punto di vista tecnico, ma siamo sicuri che lo sappiamo fare realmente cosi’ bene?.

 Guida alla progressione nello Squat

Nessun programma di allenamento può definirsi completo senza includere qualche variante di Squat. Sebbene abbondino gli articoli di discussione su quale di queste varianti sia la migliore, la realtà è che i benefici di ognuna di queste dipendono da chi sta eseguendo lo Squat. Ogni variante permette di ottenere risultati eccellenti. La questione rilevante non è che tu abbia un bilanciere appoggiato sulla parte posteriore del collo, davanti ad esso, oppure che non ne abbia affatto uno in mano; ciò che importa è l’esecuzione, che è completamente dipendente da un percorso di progressione intelligente.

Sfortunatamente, di solito i consigli si fermano qui. Oggi, invece, vogliamo dare la giusta rilevanza a come progredire o eventualmente regredire nelle varianti di Squat per incontrare le vostre necessità personali.

Back Squat a tutti i costi?

La maggior parte delle persone, collega la parola “Squat” alla sua variante back. Il Back Squat è un esercizio fondamentale che tutti dovrebbero saper fare, ma una popolazione sempre più sedentaria può davvero far fatica ad eseguire correttamente questo esercizio. Non mi credete? Entrate in una qualsiasi palestra e guardate per un’ora la Squat Rack. Consideratevi avvisati: rimarrete terrorizzati nel vedere persone provarci con un’evidente carenza tecnica, un volume ed un carico eccessivo, pur mantenendo l’aria arrogante del frontman di una band di heavy metal.

Conosciamo tutti qualcuno che non riesce neanche ad avere la mobilità delle spalle sufficiente per portare le mani sul bilanciere quando lo poggia in posizione di back squat. Come pensate che eseguirà uno squat quella persona? Nella migliore delle ipotesi appena inizierà a scendere il carico finirà tutto sulla zona lombare della sua spina dorsale.

In termini di requisiti fisiologici un buon Back Squat è quello che vi assicurerà i benefici e i carichi maggiori, ma in caso di carenza tecnica, esistono numerosissime varianti che posso temporaneamente fare al caso vostro.

Cominciare dalle basi

E’ estremamente importante soprattutto all’inizio partire da una solida base e andare a costruire il movimento partendo dalle varianti più semplici per poi passare a quelle via via più avanzate.
Un esecuzione tecnicamente povera, oltre a esporvi al rischio di infortuni, a livello di benefici dell’allenamento, sarà molto meno produttiva e darà molti meno risultati

Abbandonate quindi almeno inizialmente, elastici, catene e altri accessori. Molti preparatori fanno ottenere grandi miglioramenti ad atleti professionisti con un semplice back squat con bilanciere. Con un po di pazienza e dedizione arriverete successivamente a padroneggiare tutte le varianti più complesse.

Partendo dal presupposto che la “tecnica perfetta” non esiste perchè ognuno di noi ha caratteristiche morfologiche differenti che necessitano adattamenti specifici, quello su cui dobbiamo insistere è l’esecuzione più corretta possibile senza essere ossessionati dall’aumento del peso a tutti i costi.

Ecco a voi una sequenza di progressione didattica che parte dalle basi, controllate se li conoscete tutti, nel caso in cui qualcuno non lo conosciate vi basterà inserire su youtube il nome degli esercizi per trovare dei brevi video di esempio.

Vi consiglio di partire dalla base e passare all’esercizio successivo solamente dopo aver correttamente assimilato il precedente.

La sequenza di progressione nello Squat

  1. Wall Squat
  2. Counterbalance Squat
  3. Bodyweight/Prisoner Squat
  4. Goblet Squat
  5. Double Kettlebell Front Squat
  6. Barbell Front Squat
  7. Barbell Back Squat

Iniziando ad esercitare il vostro Squat al muro, riuscirete ad risolvere molti dei vostri limiti di mobility.

E’ un esercizio fantastico che non dovreste mai smettere di fare, inseritelo nelle vostre routine di riscaldamento o di active recovery. Chiaramente non vi aiuterà a sviluppare la forza ma è in grado di portare enormi benefici dal punto di vista dei pattern neurali.

Il resto degli esercizi della progressione, avrà sia questa funzione che quella di migliorare la forza e la potenza.

Le varianti a gamba singola

Se ci riflettete quando stiamo in piedi raramente poggiamo il peso su entrambe le gambe, pertanto ha davvero senso esercitarsi in questa direzione. Come spesso ricordato in questo articolo, non potete neanche pensare di iniziare da un Bulgarian Split se non sapete fare un Lunge. La progressione tipica è la seguente:

  1. Split Squat
  2. Reverse Lunge
  3. Sled Push
  4. Bulgarian Split Squat (piede posteriore sollevato)
  5. Airborne Squat

Sia per i Bulgarian che per gli Airborne, iniziate senza peso, per poi passare alla variante Goblet e, successivamente, Barbell Front e Back. Gli Sled Push possono essere lavorati in ogni momento, sempre che il peso sia appropriato e vi consenta di muovervi perfettamente in linea retta.

Il tempo necessario per passare da uno livello all’altro della progressione è completamente dipendente da voi. Concentratevi ad eseguire ogni esercizio che state affrontando al meglio delle vostre possibilità, per quanto semplice possa sembrarvi. Dopo alcune settimane di lavoro prettamente tecnico, potrete concedervi la possibilità di dedicarvi alle varianti più avanzate.

Tempo Squat

oltre a variare il movimento un’alternativa è quella di lasciare invariata la tecnica ma modificare la durata del movimento, reallentare la velocità, spesso, espone le lacune. Tempi lenti e lavoro isometrico sviluppano stabilità e controllo motorio che influenzano positivamente la qualità del movimento.

Hai trovato utile questo articolo? Prova ad approfondire con questi 10 consiglio sull’allenamento CrossFit

Previous articleTrovare la giusta andatura nei workout
Next articleIl CrossFit è pericoloso? Ecco la risposta
Da sempre consulente informatico e appassionato praticante di sport. Nuoto a livello agonistico per tutta l'adolescenza, e mi dedico anche all'insegnamento, parallelamente mi dedico anche al Tennis al Calcio e al Body Building, Rugby e Arti Marziali. Incontro nel 2011 il CrossFit e ne sono subito rapito. Nel 2012 corono il sogno di diventare Co-Owner di una centro sportivo, la Golden Dragon Gym a Roma...da li il passo naturale ci porta ad aprire all'interno del nostro centro, CrossFit 753ac uno dei primi box ufficiali affiliati a Roma, Nasce insieme a Lacee Kovacs la programmazione KTS di cui ne seguo ogni aspetto commerciale. In quegli anni maturo l'idea di unire la mia conoscenza informatica alla passione per lo sport ed in particolare il CrossFit. Da questa unione dopo un anno di studio e lavoro nel Luglio 2015 nasce WodNews.it il primo magazine on line in lingua italiana interamente dedicato al CrossFit.